Local SEO: guida al Posizionamento Locale su Google

Alvise Canal » Posizionamento sui motori di ricerca » Local SEO: guida al Posizionamento Locale su Google

Quando parliamo di posizionamento sui motori di ricerca non possiamo tralasciare la Local SEO, ovvero il posizionamento per query locali/geolocalizzate. Su Google queste ottimizzazioni risultano fondamentali vista la presenza del Local Pack e una sempre maggiore crescita delle Local Search.

A volte si crede erroneamente che le attività di posizionamento siano valide solo per grandi aziende nazionali, ma la verità è che la SEO può fare un’enorme differenza anche per attività locali, quali ristoranti, negozi e piccole attività commerciali.

Questo è valido soprattutto su Google, dove esiste la Local Search, ovvero risposte personalizzate per determinate keyword che restituiscono snippet e SERP geolocalizzate.

La Local SEO consiste nell’insieme di pratiche e ottimizzazioni volte ad ottenere un miglioramento del posizionamento soprattutto per query geolocalizzate, ricerche da mobile e query contenenti la città dove è presente l’attività locale.

L’attività di Local SEO è adatta a un gran numero di realtà diverse, ovvero a tutte quelle attività che lavorano all’interno di una determinata area di competenza. Un ristorante di pesce a Venezia, ad esempio, potrebbe richiedere un servizio di SEO a Venezia per comparire in prima pagina ogniqualvolta si cerca un ristorante nei pareggi, ma lo stesso potrebbe fare un dentista, un avvocato, una cartolibreria o un bar.

Vediamo quindi assieme quali sono le ottimizzazioni che si possono attuare e in che modo si può migliorare il rank di un’attività locale.

Che cos’è la Local SEO?

La Local SEO è l’insieme di ottimizzazioni, on-page e off-page, necessarie a migliorare il posizionamento di un’attività per query locali d’interesse, ovvero per posizionarsi nelle local search. Per farlo si vengono ad utilizzare le stesse tecniche utilizzate per il posizionamento di attività nazionali e internazionali, seppur con alcuni accorgimenti diversi.

Le Local Search, o query geolocalizzate, sono inoltre contraddistinte da 3 features nelle SERP:

  1. Box con mappa/local Pack: uno dei risultati più comuni quando si ricerca una query locale è la comparsa in SERP con la mappa che evidenzia le attività ricercate più vicine. Se ad esempio cerchiamo “ristorante”, Google, come primo risultato, ci mostrerà il box mappa contenente tutte le pizzerie vicino a noi.
  2. Box Knowledge Graph: questo è il tipico box che compare sulla destra delle SERP, il quale rappresenta la scheda My Business, che vedremo accuratamente nel prossimo paragrafo, e che contiene tutte le informazioni più importanti dell’azienda/attività commerciale.
  3. Box Local Teaser: di poco diverso dal box con la mappa, questa features si ottiene per chiavi di ricerca come “hotel” e “ristorante”, e mostra in anteprima non solo gli indirizzi disposti in ordine di distanza, ma anche una prima immagine dell’hotel/ristorante e alcune informazioni utili.

Quali sono le Local Search

Prima di inoltrarsi alla scoperta delle ottimizzazioni per migliorare il posizionamento di attività locali, è bene chiedersi quali sono le local search, ovvero quali sono quelle query per le quali si ottengono risultati geolocalizzati e la comparsa delle Local Features, un passo fondamentale per strutturare la propria local strategy.

Le local search sono essenzialmente di tre tipi:

  • Ricerche effettuate sul nome proprio dell’attività/azienda, le quali riporteranno l’apparizione del knowledge Graph a destra delle SERP
  • Ricerche generiche per keyword geolocalizzate, come la semplice ricerca “ristorante”, “hotel o “idraulico”, le quali restituiranno risultati geolocalizzati e la comparsa del box mappa.
  • Ricerche contenenti chiare indicazioni locali, quali “venezia”, “Treviso”, “Roma” ecc. Un esempio è la ricerca “Ristorante Venezia”, la quale riporterà un risultato simile alla ricerca svolta precedentemente, ma dando maggiore rilevanza ai siti meglio ottimizzati per “Ristorante Venezia”.

Ora andiamo invece a scoprire tutti i fattori di posizionamento e gli strumenti utili da adottare per posizionarsi sulle local search.

Google My Business

La prima cosa a cui pensare quando si struttura una local strategy, è la corretta ottimizzazione del più potente strumento del settore, ovvero Google My Business. Il corretto utilizzo della scheda My Business aziendale è infatti imprescindibile nella SEO locale e, in alcuni casi, permetterà di ottenere risultati notevoli anche senza andare a svolgere tutte le ulteriori attività e ottimizzazioni.

Vediamo in che modo procedere per la corretta ottimizzazione della scheda (curala con grande attenzione, è fondamentale!).

1. Compila in modo preciso ed esaustivo la descrizione della tua azienda, includendovi all’interno le keyword per le quali stai cercando di posizionarti su Google, i dati fondamentali e la presenza di link che rimandino alle pagine più importanti del sito

2. Inserisci diverse foto del tuo negozio e dello staff, possibilmente in alta qualità. Servirà sia a rendere la tua scheda più interessante che a posizionarla meglio

3. Inserisci l’indirizzo corretto dell’attività per richiedere a Google la verifica della scheda My Business

4. Curare correttamente gli orari di apertura e chiusura. La loro presenza aumenta notevolmente le possibilità di ricevere clienti che hanno visualizzato la scheda su Google.

I migliori consigli per una corretta ottimizzazione della scheda My Business vengono da Google stesso e puoi trovarli qui.

Google Post

google post

Da qualche mese Google My Business si è aggiornato, dando la possibilità di pubblicare articoli direttamente sulla scheda My Business. Questi vengono chiamati Google Post e, sulla local SEO, possono avere un ottimo impatto! Secondo un case study di Search Engine Land, i Google Post incrementerebbero il posizionamento delle attività locali. Questo avviene per realtà nelle quali non vi è una grossa competizione, ma è uno strumento da tenere in considerazione durante le attività SEO.

Scrivere un post sulla scheda My Business è davvero semplice. Basta inserire un’immagina quadrata con dimensioni minime 250 x 250 px, inserire un titolo e scrivere una descrizione che può contenere dalle 100 alle 300 parole. Inoltre si potranno inserire dei pulsanti (CTA) per invitare il lettore a compiere delle azioni, come a prenotare, registrarsi o acquistare un articolo.

NAP

NAP è un acronimo inglese che significa name, adress, phone, ovvero nome, indirizzo e telefono, che altro non sono che i tre dati più importanti quando si parla di posizionamento locale sui motori di ricerca.

L’ottimizzazione del NAP consiste nell’inserire, in maniera coerente e assolutamente non forzata, il NAP della propria attività. Questo, ad esempio, potrà comparire nel footer, nella pagina “contatti” e “dove puoi trovarci”, e servirà a dare una chiara indicazione sia a Google che al visitatore, sul posto dove è presente la propria realtà commerciale.

Directory Locali

Come sappiamo l’acquisizione di link con campagne di Link Building è fondamentale per migliorare il posizionamento dei siti web, ma per le attività locali questa è una cosa leggermente limitata. Per negozi e realtà commerciali site in precise località, sarà infatti necessario acquisire molti meno link rispetto ad un’attività nazionale, e questo fa si che la consulenza SEO sia molto più economica.

In parte cambia anche la tipologia dei link dai quali è preferibile essere linkati. Per attività locali, infatti, sono apprezzate anche le directory locali, ovvero quei siti che non sono altro che contenitori di link di diverse aziende e attività suddivise per categorie e località.

Rich Snippet (schema.org/json-ld)

In questi ultimi tempi i Rich Snippet stanno avendo sempre più spazio sulle SERP, search engine result pages, perché permettono di ottenere fin dal primo sguardo le informazioni che si ricercano e dettagli utili alla propria ricerca. La presenza di Rich Snippet ti permetterà di incrementare notevolmente il CTR, ma anche di fornire molte più informazioni sulle SERP.

Grazie a schema.org/json-ld, sarai infatti in gradi di comunicare a Google tutti i dettagli della tua attività, così da veder comparire i rich snippet sulle SERP. Fondamentale sarà anche implementare il NAP attraverso i dati strutturati.

SEO on-page

Non potevano ovviamente mancare tutte le ottimizzazioni SEO a livello di pagina, le quali sono valide tanto per aziende nazionali e internazionali quanto per piccole attività commerciali locali.

Tag Title e Description

Cura con grande attenzione il Tag Title, uno dei fattori più rilevanti nella SEO, local e non, e inserisci all’interno la città nella quale stai cercando di posizionarti. Cura altrettanto bene la meta description, cercando di attrarre i visitatori e di aumentare il CTR.

Tag H1, H2, H3 ecc

Ogni pagina deve essere strutturata correttamente ed essere il più leggibile possibile, per facilitare la lettura dell’utente. Un buon utilizzo dei tag H1, H2 e H3 saranno fondamentali in questo e permetteranno anche di migliorare il posizionamento.

Keyword + città

Fondamentale per il posizionamento per local search è quello di accostare le keyword più importanti con la città dove risiede l’attività. La combinazione di keyword + città dovrà comparire nelle posizioni più importanti, quali tag title, meta description, URL e immagini. Questa dovrà comparire anche nel testo, ma in modo intelligente.

Capita spesso di trovarsi davanti a siti che nel testo delle pagine riportano in modo coatto e esagerato combinazioni del tipo “Ristorante Mestre”, rendendo di fatto il contenuto illegibile, e allontanando lettori e possibili clienti.

Alt Text

Fondamentale è anche l’ottimizzazione delle immagini, per le quali devi sempre compilare il tag alt text, possibilmente inserendovi la città o zona dove ti stai cercando di posizionare.

Url SEO friendly

Fai attenzione alle url del tuo sito e cerca, quando è possibile, di creare URL SEO friendly, ovvero indirizzi semplici, brevi e parlanti. Un URL per essere efficace dev’essere breve e deve contenere la keyword per la quale si sta cercando di ottimizzare la pagina.

NAP

Abbiamo già visto un intero paragrafo su questo argomento, ma mi pareva il minimo inserirlo nuovamente per sottolinearne l’importanza.

Mappa di Google

Se il NAP ha la sua enorme importanza, anche l’inserimento della mappa ha la sua notevole rilevanza nelle strategie SEO locali. Inserire la mappa è davvero semplice e permette al visitatore di comprendere in modo fulmineo l’ubicazione della sede dell’attività.

In questo modo faciliterai la vita dei tuoi clienti, i quali potranno facilmente raggiungere la tua sede di lavoro. Inserire la mappa è davvero semplice, ti basterà embeddarla sulle pagine più rilevanti.

Social Media

Nelle strategie di local marketing i social network rivestono un ruolo importante, nonostante gli effetti SEO siano leggermente limitati. I link che otterrai dai social saranno infatti “nofollow”, quindi non ti permetteranno di migliorare il posizionamento. Nonostante questo i social media offrono potenti strumenti di comunicazione che se sfruttati a dovere ti permetteranno di ottenere numerosi benefici e migliorare il tuo brand.

Recensioni

Per quanto nei servizi SEO a livello nazionale le recensioni non hanno alcun vantaggio a livello SEO, nelle attività di posizionamento local hanno la loro importanza. Per questo quando si gestiscono attività è importante riuscire ad ottenere qualche buona recensione sui vari social network. Da tenere in considerazione ci sono ovviamente le recensioni su My Business, le più rilevanti in termini SEO, e quelle su Facebook, che possono comunque fare da riprova sociale.

Mobile Friendly

La maggior parte delle ricerche geolocalizzate vengono effettuate da mobile, per questo è fondamentale che il tema sia responsive, veloce e facilmente accessibile e usabile da mobile, dal quale proverranno circa l’80% delle ricerche. Non curare l’aspetto mobile del sito significa andare a ridurre drasticamente le visite e perdere gran parte dei possibili acquirenti o clienti.

Assicurati, quindi, che il sito sia completamente responsive e che abbia un’ottima velocità di caricamento delle pagine, soprattutto per quanto riguarda la versione mobile.

Conclusioni

Seguendo con attenzione questi consigli e accorgimenti per la local SEO potrai ottenere ottimi risultati nel posizionamento della tua azienda. Ti consiglio inoltre di dare un’occhiata a localseochecklist.org, un utilissimo tool che non è altro che una checklist per verificare di aver eseguito tutte le ottimizzazioni.

[Voti: 7    Media Voto: 5/5]
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •